06/03/2020 – Il responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune può essere considerato corresponsabile di una lottizzazione abusiva solo se, con la sua condotta, ha “apportato un contributo causale rilevante e consapevole”.   Si è espressa in questi termini la Corte di Cassazione, che con la sentenza 7210/2020 ha escluso che gli abusi, realizzati da una società, potessero dipendere da qualsiasi azione o omissione della funzionaria.   Lottizzazione abusiva, il caso I giudici si sono pronunciati sulla realizzazione di una serie di alloggi ed opere di urbanizzazione. Il costruttore aveva presentato una Denuncia di inizio attività (Dia – oggi Scia) in variante, risultata poi non conforme agli strumenti urbanistici e al piano di lottizzazione rientrante nella convenzione pubblica.   Durante il contenzioso, era stato coinvolto anche il funzionario responsabile dell’Ufficio tecnico, perché chiamato ad esprimere..
Continua a leggere su Edilportale.com