20/03/2020 – Il contratto di avvalimento non può essere generico, ma, soprattutto nel caso di avvalimento operativo, deve indicare con precisione quali mezzi saranno forniti dall’ausiliaria per lo svolgimento dei lavori. Lo ha spiegato il Tar Napoli con la sentenza 1022/2020.   Avvalimento operativo I giudici hanno spiegato che nell’avvalimento operativo, l’ausiliaria si impegna a mettere a disposizione dell’ausiliata le risorse tecnico-organizzative necessarie per l’esecuzione dell’appalto. L’avvalimento operativo riguarda i requisiti di capacità tecnico-professionale tra cui, ad esempio, il personale e gli strumenti.   Per evitare fenomeni elusivi, il Codice Appalti prevede che siano indicate in modo determinato e specifico le risorse oggetto di prestito, mentre non può ritenersi idoneo il contratto di avvalimento che indichi in modo generico che l’impresa ausiliaria si obbliga a fornire i propri..
Continua a leggere su Edilportale.com