24/05/2021 – “Riesce davvero arduo comprendere la logica che ha ispirato il Decisore verso il letale mix di misure che sarebbero inserite nella bozza del DL Semplificazione che sta circolando: eliminare le percentuali massime di subappalto anche in caso di lavorazioni superspecialistiche, potenziare il criterio del massimo ribasso, innalzare la soglia per gli affidamenti diretti di servizi e forniture, e ridurre il numero degli operatori economici invitati alla gara nei lavori pubblici tra un milione e la soglia comunitaria”.   Esordisce Carla Tomasi, Presidente di FINCO, la Federazione Industrie Prodotti Impianti Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni e la Manutenzione.   “Chi propone simili ‘soluzioni’ (si fa per dire) ha una …Continua a leggere su Edilportale.com

]]>