25/09/2017 – Quali fattori bisogna considerare per classificare un intervento come ‘libero’ da autorizzazione paesaggistica o soggetto a quella semplificata? L’esonero da autorizzazione paesaggistica o la procedura semplificata prevale sulle prescrizioni contenute nei regolamenti edilizi e urbanistici locali? Quali sono gli organi preposti al controllo in quest’ambito?   Queste alcune domande a cui risponde il Ministero dei Beni culturali (Mibact) nella circolare 42/2017 che fornisce una serie di chiarimenti sulle applicazioni pratiche del Regolamento che istituisce l’autorizzazione paesaggistica semplificata (DPR 31/2017).   Autorizzazione paesaggistica semplificata: i chiarimenti  Nella circolare il Mibact spiega come comprendere se l’intervento che si vuole realizzare sia ‘liberalizzato’, ovvero non necessiti di autorizzazione paesaggistica, o se ricada nella procedura semplificata.   In più evidenzia..
Continua a leggere su Edilportale.com