18/04/2018 – “La gara per il risanamento di Bagnoli impedisce la partecipazione ai progettisti italiani con un’impropria richiesta di polizza assicurativa”. È la denuncia dell’Oice, che ha presentato un esposto all’Autorità nazionale anticorruzione.   Bonifica di Bagnoli, il bando Al centro della controversia c’è il bando per il risanamento dell’area di Bagnoli, un quartiere della periferia di Napoli da bonificare dopo aver ospitato molti impianti industriali inquinanti.   Di bonifica e risanamento di parla dalla fine degli anni Novanta, ma le procedure sono sempre andate a rilento.   A febbraio 2018 Invitalia ha pubblicato un bando da 19 milioni di euro per la progettazione dei lavori di bonifica. Tra i requisiti per la partecipazione alla gara è stata chiesta una copertura assicurativa contro i rischi professionali per 217 milioni di euro, cioè pari all’importo stimato dei lavori.   Gare..
Continua a leggere su Edilportale.com