04/03/2021 – Le spese per la ristrutturazione dell’abitazione principale di una persona deceduta possono essere portate in detrazione dagli eredi? Se sì, a quali condizioni?   A questa domanda l’Agenzia delle Entrate risponde che, in caso di decesso del contribuente che non ha potuto usufruire in tutto o in parte della detrazione delle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, le quote residue di detrazione si trasferiscono per intero esclusivamente all’erede o agli eredi (in parti uguali) che conservano la “detenzione materiale e diretta dell’immobile”.   In pratica – spiega l’Agenzia -, l’agevolazione spetta agli eredi che possono disporre dell’immobile, anche se non lo utilizzano come propria abitazione principale.   Bonus ristrutturazioni, come si trasferisce agli eredi La condizione della detenzione del bene – aggiunge – deve sussistere non solo per l’anno di accettazione..
Continua a leggere su Edilportale.com