08/10/2018 – La riforma del Codice Appalti trova posto nel Documento di economia e finanza (DEF) 2018 anticipando le intenzioni di semplificazione del Governo. Il documento prevede inoltre una task force sugli investimenti pubblici e un piano per le infrastrutture basato sulle piccole opere diffuse. Ma alla Commissione Europea la manovra non piace perchè ritiene rischiosa la prospettiva di elevare il deficit al 2,4%.   DEF, la bocciatura dall’Unione Europea Nonostante le rassicurazioni del Governo italiano, a Bruxelles la manovra italiana continua a non piacere. Il Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha inviato una lettera alla Commissione Europea, spiegando che il deficit passerà dal 2,4% del 2019 al 2,1% del 2020 e all’1.8% nel 2021. Questo perché, secondo le previsioni dell’Esecutivo, i maggiori investimenti previsti porteranno ad una crescita dell’1,5% nel 2019, dell’1,6% nel 2020 e dell’1,4% negli..
Continua a leggere su Edilportale.com