26/11/2019 – Nell’ambito dell’appalto integrato saranno consentite verifiche successive all’aggiudicazione, a condizione che i costi di realizzazione dell’opera non aumentino.   È uno dei meccanismi contenuti nella bozza del regolamento attuativo del Codice Appalti. Il testo, messo a punto dai tecnici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit), dovrebbe essere approvato entro il 16 dicembre, come previsto dal decreto Sblocca Cantieri. A partire dalla sua entrata in vigore, spazzerà via il sistema di “soft law” composto dalle linee guida dell’Anac e dai decreti ministeriali attuativi del Codice Appalti.   Appalto integrato e indagini post aggiudicazione Con lo Sblocca Cantieri è stato reintrodotto l’appalto integrato fino al 31 dicembre 2020. Si tratta, lo ricordiamo, di una modifica temporanea, per dare sostegno al mercato delle costruzioni nell’attesa che venga completata..
Continua a leggere su Edilportale.com