19/03/2020 – Il Decreto Cura Italia ha previsto una serie di proroghe nelle scadenze fiscali in conseguenza dell’emergenza coronavirus.   Alcune scadenze sono differenti a seconda dell’ammontare dei ricavi maturati nel corso del periodo di imposta precedente a quello di entrata in vigore del Decreto.   Coronavirus, ecco le proroghe e le sospensioni La norma stabilisce che per i soggetti esercenti attività di impresa, arti o professioni che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa in Italia, con ricavi o compensi non superiori a due milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto, sono sospesi i versamenti da autoliquidazione che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 ed il 31 marzo 2020 relativi a: – ritenute alla fonte per lavoro dipendente e assimilato e relative addizionali regionali e comunali all’Irpef che le imprese operano in qualità..
Continua a leggere su Edilportale.com