28/05/2020 – Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato la legge sull’equo compenso delle prestazioni erogate dai professionisti nei confronti sia della pubblica amministrazione che dei privati.   “Con la norma approvata – commenta l’assessore alla presidenza della Toscana Vittorio Bugli, che aveva presentato in giunta la proposta assieme al presidente Rossi – sarà rafforzato il divieto di prevedere corrispettivi costituiti da forme di sponsorizzazione o da mero rimborso delle spese sostenute”.   “Non sarà consentito – aggiunge Bugli – il ricorso a criteri di valutazione delle offerte che alterino l'equilibrio tra le prestazioni professionali rese e il compenso riconosciuto e ai professionisti dovranno essere riconosciuti compensi proporzionati alle prestazioni fornite, con tempi di pagamento certi”.   Le prestazioni – si legge ancora nel comunicato – dovranno essere remunerate in proporzione alla quantità,..
Continua a leggere su Edilportale.com