14/07/2020 – Il concorrete che, per partecipare ad una gara d’appalto, si avvale della collaborazione di un progettista esterno, deve scegliere un tecnico dotato delle competenze e dei requisiti richiesti dal bando. Il progettista incaricato, infatti, non può a sua volta stipulare un contratto di avvalimento con un altro progettista.   È questa la conclusione cui è giunto il Consiglio di Stato con la sentenza 13/2020.   Progettazione e avvalimento, il caso I giudici si sono pronunciati su un contenzioso avvenuto quando era in vigore il vecchio Codice Appalti, ma per giungere ad una conclusione hanno utilizzato come bussola il nuovo Codice dei Contratti Pubblici (D.lgs 50/2016). Il nuovo Codice Appalti vieta l’avvalimento a cascata, opzione considerata inaccettabile anche da una buona parte della giurisprudenza precedente.   Nel caso in esame, un raggruppamento temporaneo di imprese si era aggiudicato una gara per la realizzazione..
Continua a leggere su Edilportale.com