28/06/2018 – Non è sempre facile individuare con esattezza i titoli abilitativi necessari per realizzare gazebo, pergolati e tettoie o installare tende. Spesso per caratteristiche, dimensioni e materiali utilizzati, non si riesce a determinare la differenza tra le varie tipologie di schermature e coperture.   Con una conseguenza inevitabile: finire davanti al giudice e vedersi costretti, in molti casi, a rimuovere quanto realizzato, pagando anche una sanzione.   Per orientarsi è utile ripercorrere alcune pronunce della giurisprudenza. In generale, i giudici tendono a considerare, oltre alle caratteristiche costruttive, il tempo di utilizzo dell’opera per capire se è destinata ad un uso stagionale o permanente. È questo elemento che determina la procedura per la realizzazione e i permessi da richiedere.   Gazebo, precari o permanenti? Con la sentenza 556/2018, il Tar Toscana ha affermato che i gazebo non precari, ma destinati..
Continua a leggere su Edilportale.com