11/12/2019 – È un’ingiusta discriminazione nei confronti delle altre professioni tecniche l’accordo di INVIMIT con i geometri che prevede la possibilità di affidare solo ed esclusivamente ai geometri l’incarico di valorizzare gli edifici della pubblica amministrazione gestiti dalla INVIMIT.   A dichiararlo Federarchitetti che, a tutela degli architetti e ingegneri liberi professionisti, ha inviato una lettera all’INVIMIT (società partecipata al 100% dal MEF) per protestare contro il recente accordo tra quest’ultima e il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) che riserva, anche sotto il profilo energetico, a questa categoria di professionisti tecnici la possibilità di diventare ‘manager’ del patrimonio immobiliare pubblico.   Manager immobili pubblici: perché solo i geometri? Dopo l’invio della lettera, è stato organizzato un incontro tra INVIMIT e Federarchitetti..
Continua a leggere su Edilportale.com