08/07/2020 – Il bagno è quell’ambiente della casa in cui vi è la più alta formazione di vapore acqueo; le superfici, come quella della doccia o della vasca, sono a diretto contatto con l’acqua corrente, mentre tutte le altre sono soggette a spruzzi di acqua. Pertanto, il rischio di infiltrazioni è molto alto così come dei danni che ne conseguono: il deterioramento dei materiali di sottofondo, intonaco e nei casi più gravi la muratura, il distacco e/o la fessurazione delle piastrelle, la formazione delle antiestetiche e dannose muffe. Oggi sono in voga docce molto ampie e a filo pavimento, con nicchie incassate e faretti, profili decorativi, box doccia walk in, soffione a soffitto o a parete ma che sia grande e con miscelatore termostatico, un vero e proprio piccolo angolo relax. Eppure, la doccia è la zona più vulnerabile del bagno, qui le infiltrazioni possono insediarsi con maggiore probabilità rispetto..
Continua a leggere su Edilportale.com