14/11/2017 – Eliminare l’obbligo di Pos, abrogando i commi 4 e 5 del DL 179/2012, convertito nella Legge 221/2012, che prevedono l’obbligo, per i soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e la prestazione di servizi, anche professionali, di accettare pagamenti effettuati attraverso carte di debito.   A prevederlo l’emendamento 8.0.3 alla bozza di Legge di Bilancio 2018 presentato dai senatori di Forza Italia Giovanni Piccoli, Marco Marin e Remigio Ceroni.   Pagamenti digitali: gli emendamenti che smorzano l’obbligo Sul fronte dei pagamenti digitali sono stati prestati vari emendamenti dal trio Piccoli, Marin e Ceroni; ad esempio un altro emendamento, l’8.0.2, cerca di limitare l’obbligo di Pos ai soggetti che “effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazioni di servizi mediante pubblici esercizi”, escludendo quindi coloro che esercitano attività non direttamente..
Continua a leggere su Edilportale.com