31/10/2019 – Sembrano definite le condizioni in cui i liberi professionisti lavoreranno nel prossimo anno. Come annunciato dal leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, dopo il vertice di Governo sulla Manovra, sono stati sciolti tutti i nodi e sulle Partite Iva è stato trovato l’accordo.   Partite Iva, regime forfetario al 15% I professionisti con redditi fino a 65mila euro continueranno ad usufruire del regime forfetario, che prevede una tassazione al 15%.   Non ci sarà il passaggio al regime analitico, ipotizzato nei giorni scorsi, che avrebbe costretto i professionisti, anche con redditi bassi, all’obbligo di rendicontazione, con una serie di oneri aggiuntivi.   Partite Iva, chi è escluso dal regime forfetario Sarà escluso dal regime forfetario chi, parallelamente all’attività come libero professionista, percepisce un reddito da lavoro dipendente superiore a 30mila euro.   Diversamente..
Continua a leggere su Edilportale.com