17/06/2020 – Tra i materiali ceramici per rivestimento il cotto è senz’altro il più antico. Utilizzato da sempre per gli spazi esterni, come piazze, strade, arredo urbano, ha trovato largo impiego anche negli ambienti interni, per pavimenti, scale, ecc. Le piastrelle in cotto si possono dividere in due categorie: cotto antico e cotto moderno. Il cotto antico è un prodotto “lavorato a mano” attraverso la procedura a stampo. Essendo il risultato di un lavoro artigianale, conserva anche a distanza di tempo tutto il suo fascino e la sua superficie, seppur irregolare, è espressione di bellezza. Il cotto moderno è frutto della produzione industriale, pertanto, risulta essere più uniforme e liscio, l’ambiente in cui è posato assume un aspetto maggiormente omogeneo. Generalmente associato ad uno stile rustico, il cotto è al contrario adatto anche ad ambienti più eleganti con mobili..
Continua a leggere su Edilportale.com