29/03/2019 – Il costruttore non è responsabile del titolo edilizio falso. Situazione diversa per il progettista, che invece è sicuramente a conoscenza delle irregolarità presenti nelle pratiche.   Questa la conclusione con cui la Corte di Cassazione, con la sentenza 11519/2019, ha annullato la condanna ai danni di una impresa di costruzione che era stata giudicata colpevole di non aver verificato la regolarità dei permessi.   Permesso edilizio falso, il ruolo del costruttore Per la realizzazione di una costruzione di civile abitazione in zona agricola vincolata erano stati richiesti il permesso di costruire e l’autorizzazione paesaggistica. Perché l’intervento fosse considerato conforme agli strumenti urbanistici, nella richiesta era stata dichiarata una cessione di volumetria per la quale, però, erano stati asserviti terreni distanti, senza i requisiti necessari.   Secondo i giudici, la Soprintendenza era..
Continua a leggere su Edilportale.com