16/02/2021 – Le norme regionali della Lombardia per il recupero degli edifici abbandonati sono troppo permissive, contrastano con l’obiettivo di riduzione del consumo di suolo e invadono le competenze dei Comuni in materia di pianificazione.   È la conclusione cui è giunto il Tar Lombardia con la sentenza 371/2021. A finire nel mirino dei giudici è stato l’articolo 40 bis della LR 12/2005, introdotto dalla LR 18/2019 per incentivare gli interventi di rigenerazione urbana. La norma adesso finirà sotto la lente della Corte Costituzionale.   Recupero edifici abbandonati, il caso Il proprietario di un immobile, situato nel Comune di Milano, ha fatto ricorso al Tar ritenendosi danneggiato dalle norme di attuazione del Piano delle regole del Comune, che lo ha inserito tra gli edifici abbandonati e degradati.   Secondo il proprietario, la norma comunale era molto più stringente di quella regionale, cioè dell’articolo..
Continua a leggere su Edilportale.com