27/11/2019 – “La norma transitoria del Decreto Sblocca Cantieri, operativa fino al 2020, non consente l’affidamento di un appalto integrato sul progetto preliminare” ed “è inconcepibile nel Regolamento attuativo del Codice Appalti un ritorno infelice ad un modus operandi che ha prodotto i risultati peggiori della storia delle costruzioni in Italia”.   Così l’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura, aderente a Confindustria, interviene sui contenuti della bozza di regolamento del Codice Appalti, che “prefigurerebbero un ritorno all’affidamento dei lavori – con l’appalto di progettazione e costruzioni (il c.d. appalto integrato) – sulla base del progetto preliminare”.   Per il Presidente Gabriele Scicolone, “premesso che stiamo parlando di indiscrezioni stampa su una bozza preliminare e che tutto dovrà essere verificato carte alla mano, la nostra posizione..
Continua a leggere su Edilportale.com