20/02/2020 – L'Intesa del 20 ottobre 2016 tra Governo, Regioni e Comuni ha introdotto il Regolamento Edilizio Tipo (RET), previsto dall'art. 4, comma 1- sexies, del DPR n. 380/2001. A partire da quella data, le regioni italiane hanno avviato l’iter di approvazione dei RET regionali, che a loro volta dovevano essere recepiti da parte dei comuni nei tempi previsti. Cosa accade se un comune non ha ancora adeguato il proprio regolamento edilizio al RET regionale?  Quali sono le definizioni edilizie ed urbanistiche da prendere in considerazione? Quelle afferenti al regolamento edilizio del comune stesso o al RET regionale? A queste domande ha dato risposta il TAR Puglia che, con la sentenza 58 del 21 gennaio 2020, ha accolto il ricorso di una S.r.l. alla quale il Comune ha annullato la SCIA alternativa al permesso di costruire e imposto l’immediata sospensione dei lavori.  Lavori che consistevano in demolizione e ricostruzione di un..
Continua a leggere su Edilportale.com