10/07/2020 – Per ottenere il superbonus del 110% sui lavori antisismici non è richiesto il miglioramento della classe sismica e la qualità degli interventi non è legata ad alcuna premialità; aumentano le responsabilità dei professionisti; la scadenza del 31 dicembre 2021 è troppo vicina: cosa accadrà dal 2022?   Ad accendere i riflettori sulle criticità del sismabonus 110% è l’Associazione Ingegneria Sismica Italiana (ISI) con un comunicato del Presidente Andrea Barocci.   Sismabonus 110% senza premialità scoraggia i lavori più efficaci ISI fa notare che il comma 4 dell’articolo 119 del Decreto Rilancio, come modificato dalla Camera, pur citando il DM 58/2017, di fatto elimina ogni premialità legata alla classificazione e innalza al 110% la detrazione per qualsiasi intervento strutturale, anche per quelli generici legati al bonus ristrutturazione e quindi fino ad oggi ricompresi..
Continua a leggere su Edilportale.com