17/12/2020 – I lavori su un immobile con regimi di proprietà diversi ma riconducibili ad un unico proprietario, e quindi non costituito in condominio, non hanno diritto al superbonus 110%.   L’Agenzia torna su un tema molto dibattuto per rispondere al quesito posto da un contribuente alle prese con un edificio plurifamiliare costituito da un’unità abitativa di cui è pieno proprietario e da due unità immobiliari di cui è nudo proprietario.   Su questo immobile, il contribuente intende realizzare lavori di ristrutturazione (rifacimento completo della struttura – parte comune a tutte le unità immobiliari -, isolamento termico e miglioramento antisismico) e chiede se può usufruire del superbonus 110%.   Con la Risoluzione 78/E del 15 dicembre 2020, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che il superbonus 110% non spetta per interventi realizzati sulle parti comuni a due o più unità immobiliari..
Continua a leggere su Edilportale.com