26/02/2021 – Rimettere la pianificazione dei servizi e delle infrastrutture pubbliche al centro delle politiche urbanistiche, renderla il fulcro attorno al quale costruire assetti insediativi caratterizzati dall’assenza di consumo di suolo agricolo e naturale, orientati al recupero edilizio e alla rigenerazione urbana oltre alla equilibrata localizzazione dei servizi generali e di prossimità.   È l’obiettivo del disegno di legge di modifica della LR 36/1997 in materia urbanistica della Regione Liguria, proposta dell’Assessore all’Urbanistica Marco Scajola, che la Giunta Regionale ha approvato ieri.   Le ‘città’ e i ‘poli attrattori dell’entroterra’  Le modifiche riguardano i comuni a cui il piano territoriale regionale, in corso di definizione, e a seguito del confronto con il territorio, attribuirà la qualifica di città (capoluoghi, conurbazioni costiere e valli urbane) e per..
Continua a leggere su Edilportale.com